Grande successo di pubblico per il Maestro Fedeli al Sacro Monte di Varese SUONI D'AUTORE - THE SOUL OF GUARNERI
Ottimo successo di pubblico per la grande serata di musica e concerti dal titolo Suoni d’autore. The soul of Guarneri, che domenica 11 giugno ha animato il Sacro Monte di Varese. Protagonista assoluto dell’evento è stato il Maestro Matteo Fedeli che ha portato all’attenzione del grande pubblico un prezioso violino realizzato nel 1694 dal celebre liutaio cremonese Andrea Guarneri.

Alle ore 16.00, un nutrito gruppo di amanti della musica (nonché ottimi camminatori) sono partiti dalla Prima Cappella per inaugurare un nuovo format appositamente pensato per questo evento: la Salita musicale. Di tappa in tappa, lungo lo snodarsi del percorso della via sacra, è stato possibile apprendere alcuni segreti dell’antica arte della liuteria, grazie la viva voce del liutaio Udino Lazzarin. In tre momenti Lazzarin ha mostrato i legni e gli attrezzi con cui quotidianamente lavora alle sue creazioni, oltre che le numerose parti costitutive del violino in diverse fasi di completamento. Alla Dodicesima Cappella ecco finalmente apparire tre strumenti terminati: tre piccoli capolavori che uniscono alla grande maestria tecnica un’estetica unica e affascinante, vanto della liuteria italiana in tutto il mondo. Correndo lungo i righi dello spartito, al liutaio Lazzarin si sono alternate le performance straordinarie di due giovanissimi talenti musicali che sicuramente faranno ancora molto parlare di sé: Vittorio Benaglia e Sofia Manvati, che, accolti nei porticati di tre cappelle del percorso (non facile suonare all’aperto!), hanno proposto tre brani di Bach, Hindemith e Halvorsen.

Alle ore 18.00, la musica è tornata protagonista nell’Atelier di Casa Museo Pogliaghi per il secondo momento in programma. Matteo Fedeli al violino e Antonio Scaioli al pianoforte hanno magistralmente eseguito brani di De Falla, Massenet, Bartok e Brahms, sullo sfondo, il grandioso modello in gesso del portale Maggiore del Duomo di Milano realizzato dallo scultore: il luogo della creazione artistica di Pogliaghi è diventato una vera e propria fucina musicale. Il grande apprezzamento del pubblico si è manifestato in una calorosa standing ovation finale.

Alle ore 21.00 Matteo Fedeli e il Solo d’Archi Ensemble hanno incantato il pubblico accorso nel Santuario di Santa Maria del Monte con il concerto conclusivo per violino e orchestra. Violini (fra cui ha naturalmente spiccato l’Andrea Guarneri suonato dal Maestro Fedeli), viole, violoncelli e contrabbasso, per un totale di ben diciassette elementi, hanno interpretato un repertorio vario e accattivante, con brani di Holst,  Ciaokowsky, Saint-Saens, Danti e Achron. Le melodie hanno ulteriormente sottolineato i numerosi riferimenti alla musica presenti in santuario, sulle cui volte si assiepano cori di angeli musicanti con gli strumenti più diversi.

A tutti gli interpreti e gli intervenuti, oltre che allo sponsor Bayer,  va il più caloroso ringraziamento di Archeologistics, per la passione e l’impegno profuso nell’organizzazione di questo impegnativo appuntamento, che attraverso l’incanto della musica ha permesso una piena valorizzazione dei luoghi più belli e suggestivi del Sacro Monte di Varese.


LEGGI ANCHE
19 SETTEMBRE 2017 Percorsi finanziati per le scuole CANDIDATURE SINO AL 5 OTTOBRE LEGGI TUTTO
19 SETTEMBRE 2017 Proposte per le scuole 2017-2018 CONSULTA IL CATALOGO CON LE NUOVE VISITE DIDATTICHE PER IL SACRO MONTE DI VARESE LEGGI TUTTO